🏎️ Sulle pagine del blog ci sono selezioni di hack di vita, recensioni di auto, notizie sul mercato automobilistico, foto di auto, consigli per i conducenti e non solo.

Daimler e BYD ricondivideranno il marchio fallito Denza. Nuovi articoli promessi nel 2022

0

Fondata nel 2010 alla pari, BYD Daimler New Technology (BDNT) e il suo marchio Denza (Shenzhen DENZA New Energy Automotive) non hanno ottenuto un notevole successo nel mercato cinese, e ora l’azienda tedesca fornisce alla parte cinese un significativo parte del suo 50% Formally Daimler rimane in attività, ma in realtà BYD continuerà a "guidare" la joint venture.

BDNT è stata fondata agli albori dei veicoli elettrici prodotti in serie in Cina e, a quanto pare, aveva tutte le possibilità di successo. La primogenita del marchio Denza fu la monovolume compatta Mercedes-Benz Classe B (W245) di prima generazione, convertita in auto elettrica: il suo doppio pavimento era ideale per posizionare la batteria, il design della carrozzeria fu leggermente modificato in cinese stile, e in questa forma è entrata nel mercato nel 2014.

Daimler e BYD ricondivideranno il marchio fallito Denza. Nuovi articoli promessi nel 2022

Denza 500

Durante il suo ciclo di vita a Shenzhen, la monovolume compatta Denza ha subito due aggiornamenti, durante i quali l’autonomia per carica è aumentata rispettivamente da 350 km a 400 km e 500 km. L’ultima versione, denominata Denza 500, è stata introdotta nel 2018 e, oltre all’hardware modificato, ha ricevuto un design aggiornato, ma il restyling non ha aiutato: già nel 2019 il modello è uscito dal mercato. Secondo CarSalesBase, le sue vendite cumulative in meno di sei anni di produzione sono state di 14.055 unità.

Daimler e BYD ricondivideranno il marchio fallito Denza. Nuovi articoli promessi nel 2022

Denza x

Per sostituire la Mercedes BDNT convertita in auto elettrica nel 2019, il crossover di taglia media Denza X è stato preparato nelle versioni ibrida e puramente elettrica. Da un punto di vista tecnologico, Denza X si è rivelata una copia del crossover cinese BYD Tang e la partecipazione di Daimler in questo caso è stata ridotta al design: sono presenti scritte in stile Mercedes-Benz all’esterno della carrozzeria e all’interno. Sfortunatamente, anche questa vettura si è rivelata infruttuosa: 4175 copie sono state vendute nel 2020, 4268 in 11 mesi di quest’anno Per gli standard del mercato cinese, queste sono briciole, è impossibile condurre un’attività di tale successo su di essa.

Daimler e BYD ricondivideranno il marchio fallito Denza. Nuovi articoli promessi nel 2022

Denza x

L’auto elettrica Denza X in Cina è al livello della Tesla Model Y, ma allo stesso tempo non ha né la gloria né il carisma dell’"americana", e l’autonomia con una singola carica è di circa 100 km in meno rispetto a prima la Model Y. La scritta in stile Mercedes-Benz non gioca un ruolo importante se puoi acquistare una vera Mercedes-Benz: il marchio tedesco sta ora guidando un’offensiva attiva in Cina. BYD Tang, tra l’altro, vende molto meglio della sorella Denza X: da gennaio a novembre di quest’anno sono state vendute 45.204 copie.

Daimler e BYD ricondivideranno il marchio fallito Denza. Nuovi articoli promessi nel 2022

Denza x

In una parola, è chiaro che il marchio Denza ha commesso un errore da qualche parte e bisogna fare qualcosa con la joint venture. Shenzhen DENZA New Energy Automotive completerà la sua ristrutturazione entro la metà del prossimo anno, aumentando la partecipazione di BYD dal 50% al 90% e quella di Daimler dal 50% al 10%, secondo un nuovo comunicato stampa Daimler. Daimler rimarrà nella joint venture come azionista ed è improbabile che abbia qualcosa a che fare con il futuro delle innovazioni di Denza. Nuovi articoli sono promessi nel 2022, ma non si sa ancora che tipo di auto sarà, probabilmente versioni premium dei modelli BYD.

Daimler e BYD ricondivideranno il marchio fallito Denza. Nuovi articoli promessi nel 2022

Denza x

Ricordiamo che BYD ha una propria produzione di batterie e batterie per loro, grazie alla quale si sente sicura nel segmento "socket" del mercato cinese: occupa il 18% del suo volume (dati dalla risorsa CleanTechnica). Solo la preoccupazione SAIC ha una quota maggiore – 21%, al terzo posto c’è Tesla – 9%.

Fonte di registrazione: wekauto.ru

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More