...
🏎️ Sulle pagine del blog ci sono selezioni di hack di vita, recensioni di auto, notizie sul mercato automobilistico, foto di auto, consigli per i conducenti e non solo.

Nubi sulla Renault

2

Sembra che la tempesta perfetta si stia preparando per la Renault e che l’azienda stia per affrontare alcuni anni difficili. A un certo punto, tutte le possibili crisi hanno coinciso: da quella finanziaria a quella tecnologica e manageriale, viene sollevata la questione della sopravvivenza dell’azienda. Riappaiono parole dimenticate per decenni: perdite, licenziamenti, chiusure di impianti. Forse non saremmo particolarmente preoccupati per il destino del produttore francese, ma è il principale azionista di AVTOVAZ e ha una propria produzione localizzata nel nostro paese. I problemi generali dell’azienda possono influenzare seriamente il nostro mercato automobilistico.

Tanto per cominciare, quali notizie dalla Renault indicano una situazione difficile. Il primo e più importante sono i risultati finanziari dell’ultimo anno, quando per la prima volta in dieci anni è stata annunciata una perdita netta di 141 milioni di euro (153,1 milioni di dollari), a fronte di un utile di 3,30 miliardi di euro registrato un anno prima. Per l’anno, i ricavi della società sono diminuiti del 3,3%. Di conseguenza, i pagamenti di dividendi agli azionisti sono diminuiti di tre volte rispetto a un anno prima. Senza esitazione, l’agenzia di rating internazionale Moody’s ha declassato i rating a lungo termine del Gruppo Renault da "Baa3" a "Ba1" ("junk") con una previsione stabile che la società non sarà in grado di ripristinare il margine operativo nel medio termine .

Per sopravvivere, l’azienda dovrà stringere seriamente la cinghia e tagliare i costi di due miliardi di euro in tre anni. La situazione è aggravata dall’introduzione di nuove norme antinquinamento europee, alle quali l’azienda non ha avuto il tempo di adeguarsi pienamente.

Il ventesimo anno in arrivo è iniziato con un calo generale del mercato automobilistico in Europa del 7,5%. Per combattere il riscaldamento globale, le case automobilistiche sono costrette a rispettare la quantità massima di emissioni di anidride carbonica di 95 grammi per chilometro, altrimenti sono soggette a un’enorme multa. Inoltre, dal 1° gennaio, la tassazione delle auto è stata aumentata sull’esempio della Francia, che ha introdotto un forte aumento delle multe per le auto più inquinanti. In generale, gennaio 2020 per il gruppo Renault (Alpine, Dacia, Lada) è peggiorato del 16,3%. Dacia allo stesso tempo è scesa del 31,4% e la quota della casa automobilistica è scesa al 2,7% rispetto allo stesso periodo del 2019. Ma il marchio rumeno è l’attore principale per Renault nel mercato automobilistico europeo, portando il profitto principale.

All’ordine del giorno il tema dei tagli alla produzione e della chiusura degli stabilimenti. L’ultima decisione del genere in Renault risale al 1997, con una sede a Vilvoorde (Belgio), poi ha interessato 3.100 dipendenti belgi. In primo luogo, questo può valere per le linee con un carico minimo. Ad esempio, Nissan a Barcellona (Spagna), dove il suo tasso di utilizzo ha appena superato il 30% nel 2019. Ad esempio, lo stabilimento rumeno Dacia di Pitesti utilizza il 99% della sua capacità. Allo stesso tempo, secondo i piani, parte della produzione passerà completamente alla nuova piattaforma elettrica dell’alleanza entro il 2022.

Renault si trova in una situazione critica in Cina, dove il produttore ha venduto poco meno di 180.000 veicoli nel 2019, in calo del 17% rispetto all’anno precedente.

In America Latina, anche lo stabilimento Renault di Córdoba, in Argentina, è stato duramente colpito dalla crisi dello scorso anno, con un tasso di utilizzo di appena il 14%.

La preoccupazione sta sviluppando una situazione con una sovrabbondanza di spazio di produzione sullo sfondo di un altro ciclo di cambiamento della gamma di modelli e un declino generale nel mercato globale.

Minacciato anche lo stabilimento Renault di Mosca. Sulla stampa si discute di informazioni secondo cui nel giro di pochi anni le auto francesi potrebbero cessare di essere prodotte nella capitale e il principale sito produttivo sarà uno stabilimento di Togliatti, le cui linee anche non vengono caricate a pieno regime. È possibile che lo stabilimento Renault Nasha Strana di Mosca, a sua volta, si sposti completamente nel sito GM-AvtoVAZ già nel 2022, dove verranno prodotti tutti i modelli sulla piattaforma B0. La sede di Mosca è in attesa di una chiusura completa o di un riorientamento alla produzione di auto Nissan e Mitsubishi. Ma questo dipenderà dalle prospettive dell’esistenza della stessa alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi.

I rapporti sulle prestazioni di Nissan per il 2019 sono ancora peggiori, con una perdita netta di 26,1 miliardi di yen (237 milioni di dollari) nel terzo trimestre fiscale, il massimo in 10 anni. Nel nostro Paese, la domanda di auto Nissan è diminuita del 16,3 per cento, a 395.000 auto, mentre le vendite globali sono diminuite dell’8,1 per cento. Non credo che valga la pena aspettarsi che, sullo sfondo di tali risultati, il marchio giapponese amplierà la produzione. Al contrario, secondo Bloomberg, Nissan prevede di tagliare almeno 5.200 posti di lavoro aggiuntivi in ​​tutto il mondo. Solo un rinnovamento radicale della gamma di modelli e un aumento della produzione di veicoli elettrici contribuiranno a invertire la tendenza. Ma questo richiede investimenti e fondi. E questo è un circolo vizioso, quando per svilupparsi, devi prima ridurre e liberare le finanze.

Gli affari dell’intera azienda e della Renault in particolare non sono molto buoni. E le prospettive per un rapido miglioramento della situazione non sono ancora previste. Grandi speranze sono riposte sul nuovo capo di Luca di Meo, che in precedenza era alla guida del marchio spagnolo SEAT. Ma entrerà in carica solo dal 1 luglio 2020. La pausa ancora una volta non gioca nelle mani del produttore francese, tali aspettative per prendere decisioni serie sono un grande lusso. Speriamo che per Renault questo sia solo l’inizio di una nuova fase di sviluppo e poi tutto vada secondo uno scenario positivo.

Come consumatori, vediamo che questi processi ritardano l’emergere di nuovi modelli competitivi nel nostro mercato. La seconda generazione Duster è già in ritardo di diversi anni. Mantenere la quota di mercato e le vendite solo a spese di Logan obsolete non funzionerà per molto tempo. I concorrenti stanno entrando sempre più nella nicchia delle auto economiche, offrendo opzioni più moderne. Anche i più affezionati sostenitori del brand stanno iniziando a guardare ai produttori coreani e persino cinesi. Se la situazione non cambia, i risultati del 2020 potrebbero diventare negativi.

Dai, Renault, aspetta, hai ancora molto capitale: questi sono ancora acquirenti fedeli al marchio che sperano in auto di qualità a prezzi accessibili, non deluderli.

Fonte

Fonte di registrazione: wekauto.ru

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More