🏎️ Sulle pagine del blog ci sono selezioni di hack di vita, recensioni di auto, notizie sul mercato automobilistico, foto di auto, consigli per i conducenti e non solo.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

0

Nel test, abbiamo una BMW X6 nella parte posteriore di un G06. Dico subito che questo X6 non è più quello a cui tutti siamo abituati. Quanto "sbagliato", lo scopriremo in questo test. I veri fan della BMW lo rifiuteranno? È diventata un’alternativa a tutti gli effetti a Mercedes-Benz o Audi? In che modo è migliore del suo predecessore e in che modo è inferiore ad esso?

Dopo il passaggio alla nuova piattaforma CLAR, il vettore delle impostazioni della BMW X5 e X6 si è spostato in modo significativo verso il comfort. Ma erano proprio le impostazioni sportive da cui le auto BMW si sono sempre differenziate. Naturalmente, questo non poteva che influire sulla maneggevolezza dell’auto. Come stanno andando le cose con M-drive adesso?

Aspetto

Se per la BMW X5 in termini di design ci sono ancora domande sulle "narici" troppo larghe della griglia del radiatore, nel caso della X6 per me personalmente è tutto chiaro. Questa è una bella macchina. Dirò ancora di più: straordinariamente bello.

La parte posteriore è la parte più difficile (in termini di design) per i crossover in stile coupé. Ma in questo caso, mi sembra, i bavaresi hanno fatto un ottimo lavoro! Qualcuno potrebbe anche notare che si è rivelato molto aggressivo, ma mi piace ancora di più. Ma non mi è piaciuto il disegno dei cerchi qui. Sembra che queste ruote siano generalmente prese in prestito da un’altra macchina.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Il crossover di prova è dotato di un pacchetto M esterno. Come con la Mercedes-Benz GLE adornata con aggiunte esterne AMG, l’auto sarebbe stata molto più semplice senza questi elementi decorativi. I cerchi da 20 pollici non sembrano troppo grandi: anche con profili di pneumatici relativamente alti, le ruote sembrano molto "fuori posto". E per le strade a volte non migliori dell’Ucraina, questa combinazione è addirittura vincente.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Questa BMW X6 costa l’incredibile cifra di 94mila euro. Ma anche questo set non è il massimo. Ad esempio, qui è installato il motore diesel 30d da 3,0 litri di base (per il modello X6). Sì, la nostra auto ha già le sospensioni pneumatiche, il pacchetto M e l’ottica della testa laser. Allo stesso tempo, non ci sono propulsori dell’asse posteriore, finiture in pelle di fascia alta, sistema di visione notturna e alcune altre opzioni costose. Ma l’X6 vanta una falsa griglia del radiatore luminosa, che sembra molto impressionante di notte. Per questo crossover è disponibile per 600 euro, ma non c’è modo di dotare l’X5 di un tale elemento.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

I fari laser di cui è dotato il nostro X6 brillano bene, quindi non ci sono lamentele al riguardo. Il costo di questa opzione è di circa 1500 euro. Ma qui è importante capire che questa tecnologia si manifesta al meglio quando si guida in autostrada ad alta velocità. Se ti muovi più spesso in città, non vedo la necessità di fari laser.

Motori e dinamica

Ho già detto che il motore del test X6 è quello base. Tuttavia, il fatto che qui sia possibile installare qualcosa di più produttivo diventa evidente dalla quantità di spazio nel vano motore. D’altra parte, a differenza dell’X5, qui non è possibile ordinare unità con un volume inferiore a 3 litri.

La nostra modifica 30d è dotata di un motore della serie B50D30. Si tratta di un motore a sei cilindri in linea con blocco in alluminio, trasmissione a catena, iniezione diretta, intercooler e sollevatori idraulici. Potenza massima del motore – 265 litri. s., coppia – 620 Nm. Fornisce all’X6 l’accelerazione a 100 km / h più veloce tra tutti i concorrenti con motori diesel da 3,0 litri (in boost di base) – 6,5 s (il nostro test ha confermato il risultato dichiarato dal produttore). Mercedes-Benz GLE 350d accelera un po’ più lentamente – in 6,6 s. Il crossover Audi Q8 nella versione 50 TDI richiede in teoria solo 6,3 secondi, ma in realtà l’Audi accelera in quasi 7 secondi.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Come per gli altri motori, la versione 40d è equipaggiata esattamente con lo stesso motore, ma con due turbine (il risultato è un ritorno di 340 CV). Ma la versione 50d ha già a disposizione quattro turbine (sullo stesso blocco cilindri). Questo motore produce 400 CV. c. Oggi è il più potente motore diesel a sei cilindri (tra le autovetture). Ma, sfortunatamente, questa unità da 400 cavalli manca di affidabilità.

Il motore B50D30 è apparso relativamente di recente nell’elenco delle centrali elettriche BMW. È stato testato per la prima volta sulla Serie 7 nel 2015, poi è stato equipaggiato con la Serie 5, e ora è installato su molte vetture del marchio tedesco. Tra le caratteristiche del motore, si può individuare la presenza di due valvole EGR (di solito ne è installata una), che possono causare notevoli – doppi – problemi durante il rifornimento con carburante di scarsa qualità.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Ma grazie alle nuove tecnologie, questo motore diesel da 3,0 litri tira perfettamente e consuma il 10% in meno di carburante rispetto alla generazione precedente di motori (N57). Inoltre, la risorsa dichiarata di questo motore è piacevolmente impressionante: 300 mila km!. L’unica condizione (vale la pena ripetere ancora) è fare rifornimento con carburante di qualità eccezionalmente elevata.

Il cambio è un automatico Steptronic a otto rapporti (di ZF). La piattaforma dell’X6 è a trazione posteriore e l’asse anteriore è collegato tramite una frizione situata nella parte anteriore.

Deriva

Come si comporta la vettura in condizioni estreme, abbiamo provato a verificare con l’ausilio di scivolate in una sbandata. Naturalmente, molti acquirenti non faranno affatto una cosa del genere. Ma sono sicuro che la maggior parte di loro vuole solo conoscere le capacità della propria auto per godere di tale potenziale o semplicemente per poterlo raccontare ai propri amici.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

L’auto di prova è dotata di tutto in modo che – in teoria – possa essere messa in uno slittamento controllato. In primo luogo, il motore produce una quantità sufficiente di coppia su un’ampia gamma di regimi. In secondo luogo, la trasmissione principale qui è posteriore: la coppia viene trasmessa costantemente alle ruote posteriori, all’anteriore, quando l’elettronica lo ritiene necessario. In terzo luogo, questo crossover è dotato di un differenziale posteriore autobloccante (che in BMW è chiamato differenziale M).

Ha funzionato in questo modo? Sfortunatamente, per quanto abbiamo provato a far slittare l’asse posteriore, la frizione è stata bloccata e l’auto ha impedito tutti i nostri tentativi. Ma questo è continuato fino a quando la frizione non si è surriscaldata. L’elettronica quindi spegne il nodo surriscaldato. E solo dopo che la frizione si è "arresa", siamo stati in grado di dimostrare che l’attuale generazione X6 e la deriva non sono ancora storie così lontane.

Guidare

Dopo essere passato a una nuova piattaforma, l’X6 è diventato più comodo e accolgo con favore solo questi cambiamenti. Secondo me le abitudini sportive di un’auto sono necessarie in base all’umore, ma si vuole sempre un comportamento confortevole su strada. Soprattutto quando non si tratta di una specie di coupé, ma di un crossover per tutti i giorni. Come la nuova BMW X5, anche la X6 ha ricevuto una sospensione pneumatica completa. Successivamente, entrambe le auto sono diventate significativamente più morbide in movimento. Certo, l’X6 non è ancora un’auto "onnivora" come, ad esempio, la Lexus RX, ma ora questo crossover si adatta perfettamente a me in termini di comfort durante la guida su strade cittadine di qualità non ottimale. Nonostante il set completo di gomme RunFlat.

Ora posso affermare con sicurezza che le attuali X5 e X6 sono già diventate comode come Mercedes-Benz e più comode dell’Audi (per non parlare della Porsche). È interessante notare che le sospensioni pneumatiche in questo modello possono essere ordinate solo con motori base. Ma nelle versioni con targa "50", puoi ottenere una sospensione M solo su molle più rigide (cosa che non consiglierei di fare). Anche la "pneumatica" in modalità Sport è abbastanza assemblata qui e puoi essere certo che c’è molta tenacia in una tale sospensione. E ancora di più: un tale carrello è sufficiente non solo per il motore base. E anche con la versione 40d più potente è facile andare d’accordo.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

L’anello debole di tutto questo gruppo è il volante più delle sospensioni. Sono le impostazioni dello sterzo (e non il telaio) che ti faranno muovere con più calma. Con le manovre attive, mi manca la pesantezza al volante e immagino la posizione delle ruote più dal rollio del corpo che dalla resistenza sul volante. Di conseguenza, non c’è assolutamente alcun desiderio di andare in qualche modo in modo aggressivo; c’è il desiderio di disattivare la modalità Sport e rotolare con calma. Se confrontiamo l’attuale X6 con la precedente (F16), si può affermare che quell’auto era molto più nitida ed eccitante da guidare. Ma il prezzo per un tale piacere era una sospensione rigida e traballante, che a volte si preoccupava semplicemente della sua natura intransigente.

Ora premetto che l’attuale X6 può competere con Mercedes-Benz e Audi proprio come un’auto per chi cerca comfort, morbidezza e lusso in primis. La nicchia sportiva ora rimane solo per Porsche.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Tuttavia, vale la pena chiarire che mi riferisco proprio alle versioni “civili" di tutti questi modelli. Perché ci sono anche M, AMG, Turbo, RS e così via, e questo è un segmento completamente diverso e un elemento speciale.

Mi è piaciuto l’isolamento acustico nella BMW X6. Il suo livello è molto decente, ma in tutta onestà va notato che l’auto di prova è dotata di un pacchetto di insonorizzazione aggiuntivo. Questa opzione include doppi finestrini laterali e un parabrezza ispessito. Se confrontiamo lo Shumka con i concorrenti, in BMW non è assolutamente inferiore alla stessa Mercedes-Benz o Audi.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Visto che stiamo parlando di suoni, devo dire che il suono di questo motore va benissimo. Nessun diesel da 3,0 litri suona come un motore BMW. L’unico concorrente nella categoria "festa per le orecchie" non poteva che essere solo la Maserati Levante, ma lì sono installate serrande meccaniche. Per quanto riguarda la BMW, questo suono è disponibile esclusivamente come opzione chiamata "M-scarico".

Non abbiamo osato controllare la BMW X6 fuoristrada. Sì, e non ce n’è bisogno. L’ambiente fuoristrada non è l’elemento della BMW. D’altra parte, per coloro che vogliono dare alla propria X6 un aspetto fuoristrada, c’è un’opzione per ordinare un pacchetto xLine opzionale. In questo caso, l’auto riceverà plastica non verniciata nella parte inferiore della carrozzeria e rivestimento sugli archi.

Comportamento su strada

L’attuale BMW X6 è una specie di Gran Turismo. È consuetudine chiamare questo nome auto potenti, veloci e, ovviamente, belle in cui le caratteristiche sportive, essendo davvero importanti, non dovrebbero in alcun modo interferire con il piacere del viaggio e della strada. In queste auto, devi essere in grado di mantenere un’elevata velocità di movimento con sicurezza e sicurezza.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Nell’attuale X6, tutto è implementato in questo modo. Ad alte velocità autostradali, questo crossover "galleggia". Allo stesso tempo, non ci sono rimbalzi o oscillazioni verticali. Inoltre, non c’è uno sterzo eccessivamente brusco o nervosismo nel comportamento che ti impedirebbe di rilassarti. E per gli occhi basta il ritorno anche del motore base.

Anche le impostazioni dello sterzo e delle sospensioni sono sufficientemente bilanciate per guidare in modo fluido e sicuro, sorpassare facilmente e manovrare senza intoppi a velocità superiori a 200 km/h. Ma "giocare a dama" nel traffico cittadino o fare i turni di lato non riguarda più l’attuale BMW X6.

La nostra auto è dotata di freni M più efficienti. Dischi anteriori con un diametro di 395 mm (5 cm in più rispetto ai meccanismi standard), difficili da montare su ruote da 20 pollici. Naturalmente, abbiamo misurato (già tradizionalmente) l’efficacia con cui tali freni possono fermare un’auto da una velocità di 100 km / h.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

In precedenza, abbiamo effettuato tali misurazioni e alcune auto ci hanno sorpreso spiacevolmente. Ad esempio, la Lexus RX si è fermata a 42 m, un risultato molto scarso oggi (qualsiasi distanza superiore a 40 m è già considerata non sicura). Ebbene, la nostra BMW X6 con freni M ha ottenuto un risultato assolutamente mediocre di 38,5 M. La cifra prevista era molto inferiore, soprattutto perché non stiamo parlando di freni standard.

Salone e baule

In precedenza, ho già testato diverse auto BMW con interni aggiornati. Tra questi ci sono le nuove serie X5, X7 e 8. E ora – X6. Quindi sto già iniziando ad abituarmi al design delle auto bavaresi e, cosa più importante, sto iniziando a piacermi. Per qualche tempo ho dovuto abituarmi all’insolito cruscotto (che, ovviamente, inizialmente era associato alle auto Chery), ma questo è passato. E ho già fatto i conti con il "dominio mondiale" del sistema multimediale BMW. Altrimenti, non ci sono state lamentele speciali sulle auto BMW, quindi non c’era nulla di cui lamentarsi.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Il pannello frontale è rivestito qualitativamente in pelle, la linea è uniforme. Gli inserti in carbonio e il soffitto nero hanno un bell’aspetto (anche se costano ben 1500 euro). C’è una piccola osservazione sul rivestimento in pelle dei sedili. Qui sono ricoperti di pelle Vernasca. Sì, è più morbido del Dakota piuttosto ruvido che abbiamo usato prima, inoltre Vernasca si sente più vicino alla Nappa (che è in una fascia di prezzo molto diversa). Ma personalmente mi piaceva di più Dakota.

Ciò che mi affascina davvero è la quantità di materiali morbidi all’interno di questa BMW. A questo proposito, Mercedes-Benz dovrebbe imparare dai bavaresi.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

I pulsanti sul pannello frontale sono comodi, il volante M provoca sensazioni eccezionalmente positive, è davvero piacevole controllare il sistema multimediale. Ci sono, tuttavia, commenti sulla qualità costruttiva. Ad esempio, alcuni elementi di assetto sono fissati con piccoli, ma pur sempre spazi vuoti. Ci sono tali carenze in luoghi associati a elementi aggiuntivi (ad esempio, con l’illuminazione decorativa; a quanto pare, questi dettagli stanno ancora "macinando").

Nonostante l’identità tecnica quasi completa della BMW X6 e X5, la differenza di adattamento è evidente in modo significativo. Poltrone nei "sei" ingegneri posizionate un po ‘più in basso. Questo viene fatto per far sembrare l’atterraggio più "guidante" per gli acquirenti rispetto all’X5th. Inoltre, questa posizione dei sedili lascia più spazio in altezza e i guidatori alti non poggeranno più la testa sul soffitto. D’altra parte, a chi è piaciuto l’atterraggio nel "cinque", la configurazione della posizione del sedile del conducente e del volante nell’X6 potrebbe non sembrare così conveniente.

I sedili installati nell’auto di prova sono optional "comodo". Il loro costo è di 1500 euro. Per gli stessi soldi, puoi ottenere le sedie M, che hanno un design diverso, ma gli stessi meccanismi; la loro caratteristica distintiva è un supporto laterale più sviluppato e un poggiatesta rigido.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

I sedili base dell’X6, chiamati "sportivi", possono essere ancora più comodi per un guidatore e un passeggero alto a causa di un diverso angolo di inclinazione e inoltre il supporto laterale è più pronunciato in essi. Quindi, se la mancanza di ventilazione e massaggio non è fondamentale per te, puoi tranquillamente optare per l’opzione di base.

A causa delle proporzioni "appiattite" dell’auto, l’interno qui sembra più ampio che nell’X5. E se, dopo aver trovato una vestibilità comoda, puoi appoggiare liberamente entrambe le mani sui braccioli a sinistra ea destra, troverai un altro bel bonus sotto forma di riscaldamento di questi braccioli. È vero, questa opzione costa molto: 900 euro.

Le caratteristiche interessanti includono portabicchieri riscaldati, raffreddati e illuminati e Apple CarPlay wireless (che funziona perfettamente grazie al nuovo firmware). Una porta USB Type-C è nascosta nel bracciolo, che emette tutti 3A, e in una nicchia sul tunnel centrale c’è anche una porta USB tradizionale che emette 2A, abbastanza per la normale ricarica del dispositivo.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Di conseguenza, il design, i materiali e l’ergonomia della BMW X6 ricevono una valutazione eccellente da parte mia. Confrontare gli interni di questa generazione di crossover (che di notte vale solo la retroilluminazione arancione!) con la generazione precedente significa considerare auto come se provenissero da epoche diverse. Ma c’è un "ma". C’era meno spazio nell’abitacolo del precedente X6, e formalmente questo può essere considerato il suo lato debole. Ma era proprio questa caratteristica che rendeva più confortevoli gli interni della precedente X6.

Non c’è niente da fare per i passeggeri alti nell’ultima fila. Se la tua altezza è superiore a 185 cm, hai la garanzia di appoggiare le ginocchia sullo schienale dei sedili anteriori. Nell’Audi Q8, ad esempio, c’è molto più spazio nella parte posteriore. Ancora non capisco come gli ingegneri di Ingolstadt siano riusciti a rendere la seconda fila dell’Audi così spaziosa.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Gli schienali della seconda fila della X6 non sono regolabili in pendenza (come nella stessa Q8), ma i sedili stessi sono morbidi. Ma la tappezzeria, a differenza dei sedili anteriori, senza perforazione. Il climatizzatore separato è disponibile per i passeggeri posteriori e il riscaldamento può anche essere ordinato come optional. In tutta onestà, va notato che anche i principali concorrenti non offrono molto spazio e comfort sul divano posteriore. Fa eccezione la già citata Audi Q8: non ha eguali in questi parametri.

Nel bagagliaio di questo crossover, puoi mettere un bagaglio abbastanza voluminoso (sebbene non lo stesso dell’X5). La prima impressione di questo vano è fuorviante, perché sembra che a causa delle proporzioni da coupé, l’altezza del bagagliaio potrebbe non essere sufficiente. Ma vale la pena guardare nella nicchia sotto il pavimento (che, come nella generazione precedente, è dotata di un chiudiporta pneumatico) e si capisce subito il vero volume del vano.

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

È bello che il ripiano superiore sia rigido e puoi metterci qualcosa di pesante (questa soluzione è molto più conveniente delle tende fragili nella maggior parte dei SUV). È anche conveniente abbassare il livello dell’asse posteriore utilizzando il pulsante sul bagagliaio, che attiva le sospensioni pneumatiche. Il cofano del bagagliaio, ovviamente, è dotato di un azionamento elettrico.

Infine, vale la pena menzionare un’altra caratteristica molto pratica: la possibilità di visualizzare l’auto in tempo reale. È molto utile quando ti muovi in ​​spazi ristretti a basse velocità. Il display mostra un’immagine sommata da diverse telecamere, elaborata in modo da poter vedere gli ostacoli davanti, ma solo da un’altezza. Ti permetterà di non calcolare male la distanza durante il parcheggio. Inoltre da questa funzionalità è previsto anche un parcheggiatore automatico, che deve trovare autonomamente un posto auto idoneo. Ma devi stare attento con questa funzione, perché ci sono ancora alcuni difetti nel suo lavoro.

risultati

Un test drive di questa generazione della BMW X6 mi ha mostrato che il crossover nella parte posteriore della G06 non è proprio quello a cui tutti siamo abituati. Guidare sulla BMW X6 non è più incredibilmente emozionante e vibrante (grazie alle impostazioni più sportive della versione precedente). I veri fan della BMW potrebbero anche essere delusi. La "consolazione" può essere l’aspetto chic del crossover (che prima non poteva rifiutare). Ripeto ancora una volta: credo che tra le auto con carrozzeria simile, la X6 sembri la migliore (e, lasciatemelo ricordare, le concorrenti sono Cayenne Coupé, GLE Coupé, Audi Q8 e persino Maserati Levante).

BMW X6: il comfort viene prima di tutto

Se ti piace una guida comoda e misurata con la possibilità di premere il pedale a terra in qualsiasi momento e sentire il ruggito purosangue del motore, allora questa generazione X6 fa per te. E inoltre, ottieni interni davvero buoni e una funzionalità raffinata del sistema multimediale. La cosa principale (e ora non ho dubbi al riguardo) è che l’attuale generazione del crossover bavarese affascinerà facilmente quegli acquirenti che, ieri, erano pronti a guardare solo verso Mercedes-Benz o Audi. Questo perché l’X6 non è più quello di una volta.

Fonte

Fonte di registrazione: wekauto.ru

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More