...
🏎️ Sulle pagine del blog ci sono selezioni di hack di vita, recensioni di auto, notizie sul mercato automobilistico, foto di auto, consigli per i conducenti e non solo.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

1

Nel test, abbiamo una Lexus RX aggiornata. In precedenza, avevo già guidato questo crossover giapponese, ma solo nella sua versione pre-styling, e avevo già valutato tutti i suoi pro e contro. Poi ho avuto sentimenti contrastanti. Questa volta trarrò delle conclusioni confrontandolo con alcuni compagni di classe.

Devo dire subito che questo crossover giapponese non differisce ancora per dinamica e qualità di guida eccezionali; proprio come prima, è piuttosto goloso. Ma, nonostante le mie preferenze (e sono un fan dell’industria automobilistica tedesca), questa volta ho guardato con interesse a Lexus. Ad essere sincero, mi è piaciuta questa macchina. E non è nemmeno che dopo il restyling della RX qualcosa sia cambiato radicalmente (anche se, ovviamente, gli ingegneri hanno aggiornato qualcosa). Probabilmente in me sono avvenuti dei cambiamenti e questo ha influito sulla percezione dell’auto.

Ma scopriamolo insieme.

Aspetto

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Va anche detto che la Lexus RX aggiornata ha fari BladeScan rivoluzionari. Mentre il mondo intero utilizza le matrici per controllare il punto luminoso e aumenta costantemente il numero di diodi per migliorare la precisione, gli ingegneri Lexus hanno creato un’alternativa e sembra che eccelleranno nella tecnologia dell’illuminazione stradale.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Per fare un confronto, nei più moderni fari a matrice Multibeam di Mercedes-Benz sono installati 84 diodi. La disattivazione selettiva di alcuni diodi, a seconda della situazione del traffico, consente di “tagliare fuori" i veicoli in arrivo e in transito, nonché di evidenziare segnali stradali e pedoni. Ma nei fari BladeScan ci sono solo dodici diodi, ma non brillano sulla strada, ma su uno specchio rotante, che, modificando l’angolo di riflessione con una frequenza molto alta, disperde il fascio di luce. E per "tagliare" un’altra macchina fuori dal flusso, il diodo si spegne per una frazione di secondo. Di conseguenza, è stato possibile ottenere la massima precisione, equivalente al funzionamento di quattrocento diodi, avendone solo dodici a disposizione.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Si ritiene che questa tecnologia abbia già messo in discussione l’ulteriore sviluppo dei fari a matrice convenzionali dei produttori Continental e Hella. Si scopre che a un prezzo e dimensioni inferiori, questa tecnologia fornisce un risultato migliore. Durante il test, abbiamo testato in modo specifico le prestazioni dell’illuminazione BladeScan sulla Lexus RX, quindi possiamo confermare le ottime prestazioni del sistema.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Se parliamo dell’aspetto del modello, per quanto mi riguarda, l’RX sembra piuttosto controverso. Da un lato, questo è un rappresentante della scuola di design giapponese e il fatto che non possa essere definito completamente brutto (come, ad esempio, l’Honda Pilot) è già positivo. D’altra parte, c’è molta aggressività nel design di questa Lexus, che dovrebbe corrispondere al carattere dell’auto. Ma la guida aggressiva non è affatto il punto forte di questo crossover, anche se ne parleremo in dettaglio più avanti. È vero, sono sicuro che molti adorano questo modello per gli elementi luminosi nel design, che lo distinguono in modo significativo dai compagni di classe.

Posizionamento

Nell’attuale generazione, le dimensioni della Lexus RX si adattano già chiaramente alla classe dei crossover di lusso a grandezza naturale "K3". Suona Mercedes-Benz GLE, BMW X5 e Volvo XC90. L’RX è abbastanza paragonabile ai crossover indicati sia in lunghezza (4890 mm) che in larghezza (2180 mm), tranne per il fatto che "non resiste" un po’ in altezza (1705 mm). Ma la Volkswagen Touareg è esattamente la stessa in termini di dimensioni esterne della RX di prova. È vero, il passo dell’auto tedesca è ancora più grande, ma, stranamente, ciò non influisce sulla disposizione dell’abitacolo.

Tuttavia, molti acquirenti confrontano ancora tradizionalmente questa Lexus con crossover più piccoli come l’Audi Q5, la BMW X3 o la Mercedes-Benz GLC. Inoltre, c’era un’opinione secondo cui il modello RX fosse un’auto "femminile". Ma queste opinioni stanno già svanendo.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Quanto al prezzo del crossover, l’RX si trova da qualche parte nel mezzo tra i proporzionati compagni di classe di lusso tedeschi e modelli più compatti. Dal 2016, la RX è diventata un po’ più conveniente, a partire da $ 55.000 per la versione Business con motore da 2,0 litri e trazione integrale. Un’auto con un motore da 3,5 litri in un pacchetto Premium decente costerà $ 69.000. E nella configurazione massima di Luxury e con una centrale ibrida chiamata 450h (come abbiamo nel test), questa vettura è già sotto i 90 mila rubli.

Si scopre che per gli stessi soldi oggi puoi acquistare solo una VW Touareg o una Volvo XC90. Ma molti acquirenti non considerano questi marchi uguali a Lexus. Ma GLE, X5 o Q8 con buoni livelli di allestimento costeranno circa il 20% in più.

È vero, il concetto di "buona attrezzatura" è molto soggettivo. Soprattutto quando si confrontano auto giapponesi e tedesche. Ad esempio, Lexus già nella "base" è dotata di doppi vetri, un buon sistema audio e interni in pelle. Inoltre, c’è Apple CarPlay, ricarica wireless per smartphone, piantone del servosterzo e sistema Keyless. D’altra parte, anche la RX top di gamma non ha molte delle opzioni popolari specifiche di questa classe. Ad esempio, non ci sono opzioni di massaggio e anche qui non sono fornite sedie multi-contour, funzioni di visione notturna o chiudiporta durante la chiusura. E in Ucraina, per qualche ragione, non c’è un display di proiezione nell’elenco delle opzioni, che è offerto in altri mercati.

Tutto sommato, la Lexus RX è una buona alternativa a una BMW, un’Audi o una Mercedes-Benz se vuoi rimanere nella classe di lusso pur risparmiando denaro. Inoltre, potrai risparmiare denaro non solo durante l’acquisto di un’auto, ma anche durante il processo di manutenzione. Il fatto è che l’RX è molto più economico in manutenzione rispetto ai suoi concorrenti tedeschi. Per 100mila miglia, la manutenzione regolare e la sostituzione delle pastiglie dei freni ogni 30mila km ti costeranno circa tremila dollari. Ma la manutenzione di una BMW X5 o Mercedes-Benz GLE per le prime 100.000 corse costerà almeno duemila dollari in più. E se teniamo conto del costo nel mercato secondario in 3-4 anni, si scopre che la proprietà mensile della Lexus RX, nonostante i maggiori consumi di carburante, è circa due volte inferiore rispetto alle già citate X5, GLE, Q8 (e ancor di più la Range Rover).

È vero, qui la questione del risparmio non è al primo posto; devi capire bene cosa dovrai sacrificare per il bene di tali risparmi e un funzionamento senza problemi. E anche per capire per cosa gli acquirenti di crossover di lusso tedeschi sono disposti a pagare più del dovuto quando scelgono le loro auto invece di Lexus.

Dinamica

Le caratteristiche dichiarate indicano che la Lexus RX non può vantare dinamicità rispetto a nessuna delle concorrenti di oggi. Questa macchina non è sicuramente adatta a chi ha sempre fretta. RX con un motore da 2,0 litri nel nostro ultimo test ha accelerato a "centinaia" in 9 secondi (e questo è anche 0,5 secondi più veloce del risultato indicato dal produttore). Allo stesso tempo, la potenza di una tale unità di potenza non è affatto piccola, quasi 240 forze. La versione RX 350 con motore V6 produce già 300 "cavalli", ma non dimostra nemmeno una dinamica eccezionale: 8,2 s a 100 km / h. In confronto, questo non è nemmeno alla pari con i motori base da 2,0 litri dei concorrenti tedeschi. Ma sotto il cofano, la tua Lexus avrà il leggendario motore 2GR in termini di affidabilità con una risorsa di meno di mezzo milione di chilometri.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Il motivo della discrepanza tra dinamica e potenza risiede nel cambio. Lexus installa ancora trasmissioni automatiche Aisin molto affidabili e fluide. Naturalmente, la loro risorsa è impressionante con indicatori per 250 mila chilometri. Ma ahimè, non ha senso confrontare le unità installate su Lexus con le scatole ZF tedesche in termini di velocità. E nella versione ibrida è generalmente installato un variatore.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

D’altra parte, se non conosci gli indicatori, sembra che la dinamica del crossover sia abbastanza sufficiente. L’auto è molto "morbida" e con una forte pressione sul pedale dell’acceleratore, si "accovaccia" notevolmente sull’asse posteriore. Il motore V6 suona purosangue, anche nella versione ibrida. Molto silenzioso però: nessun sistema di scarico rumoroso, solo sei cilindri davanti da qualche parte.

La modalità Sport, prevedibilmente, rende l’acceleratore più reattivo e l’RX prende la velocità che desideri – sembra – al momento abbastanza rapidamente. Allo stesso tempo, l’accelerazione ti spinge anche leggermente contro lo schienale della sedia. Di conseguenza, si scopre che non si sente alcun disagio a causa della mancanza di dinamica mentre si è seduti in cabina. Ma questo crossover non fornisce dinamica in quanto tale. Magic Lexus, non altrimenti!

L’auto ibrida è dotata di un CVT, quindi la trazione in accelerazione è regolare, senza cambi. Ma nella versione della RX 350, che ha un cambio con convertitore di coppia a otto velocità, i cambi di marcia si sentono bene.

Consumo di carburante

Il consumo di carburante nella Lexus RX è una questione separata, perché le cifre effettive qui differiscono significativamente da quelle dichiarate. Il più economico può essere chiamato RX 300, dove è installato un motore turbo da 2,0 litri. Nonostante nel ciclo urbano, secondo il passaporto, un’auto del genere dovrebbe consumare circa 10 litri ogni 100 km, in realtà ne risultano circa 15. In autostrada fino a 120 km / h, il consumo sarà di almeno 12 litri e se ti muovi a una velocità di 150-180 km / h, il consumo supererà il segno di 16 litri di benzina. È interessante notare che il 350 consuma all’incirca la stessa quantità di carburante. L’unica differenza è che il 300 è più economico in città con una guida tranquilla e il 350 è sull’autostrada. Il motivo principale di questa situazione è il cambio, perché nella versione RX 350 non ci sono più sei, ma otto gradini, il che consente di risparmiare carburante ad alta velocità.

Il test RX 450h consuma meno carburante. Il consumo del passaporto promesso è di circa 6 l / 100 km. In condizioni reali si possono inserire 10 litri (ciclo misto). Naturalmente, un ibrido è una tecnologia molto efficiente quando viene utilizzata in città, soprattutto in termini di risparmio di carburante. Il sistema può spegnere il motore quando necessario, iniziare a guidare solo con alimentazione elettrica e ricaricare la batteria quando ti avvicini a un semaforo.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Ma in pista non funziona più. Faccio un esempio eloquente: avendo percorso circa 80 km ad una velocità di 140-180 km/h, ho percepito un consumo di 16 l/100 km. Sulla via del ritorno lungo lo stesso percorso, c’erano "caramelle" in alcuni punti e per la stessa distanza si è scoperto che si incontravano 11 litri.

Naturalmente, sullo sfondo dei concorrenti tedeschi con motori diesel, "versare" così tanti soldi nel serbatoio della tua auto sembra terrificante. Ma scegliendo la Lexus RX, infatti, gli acquirenti risparmiano comunque (sull’acquisto, il servizio e la rivendita di cui sopra). Pertanto, calcolati tutti i costi, si può sostenere che il consumo di carburante non sia un grave inconveniente del crossover giapponese.

Selezione del motore

Se parliamo delle mie preferenze, allora mi fermerei alla versione RX 350. Il fatto è che l’"ibrido" nella stessa configurazione risulta essere più costoso di $ 8.600. Per recuperare questa differenza dovuta al consumo di carburante, è necessario percorrere 150mila chilometri.

Naturalmente, la centrale ibrida Lexus è una filosofia separata e un’auto del genere ha una serie di innegabili vantaggi rispetto ad altre versioni. Ad esempio, è il più comodo per la città e incredibilmente silenzioso. D’altra parte, ci sono anche degli svantaggi. In primo luogo, la trazione integrale è molto condizionale qui. Le ruote posteriori sono azionate da un motore elettrico, quindi anche qualche fuoristrada con la batteria scarica può trasformarsi in un vero problema. In secondo luogo, la Lexus ibrida non può caricare una batteria da 12 volt da una batteria ad alta tensione. Di conseguenza, la batteria si scarica piuttosto rapidamente. Basta stare un po’ con i fari accesi e dovrai cercare assistenza tecnica. A proposito, questa è una caratteristica di tutte le auto ibride Toyota.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Per quanto riguarda la versione con motore da 2,0 litri, non è economica e manca ancora di più dinamica. Inoltre, la versione RX 300 non è molto più economica e viene venduta solo con allestimenti semplici. Ad esempio, l’RX 350 Premium costa $ 5.900 in più rispetto all’RX 300 Executive, ma la differenza nei livelli di allestimento è abbastanza evidente. D’altra parte, se non hai bisogno di opzioni extra e sei indifferente alla velocità, puoi guardare il 300esimo. A proposito, le voci sui problemi con la turbina non erano infondate. All’inizio c’erano richieste di garanzia, ma poi il problema è stato risolto.

In ogni caso, la risorsa del motore turbo è inferiore a quella dell’unità atmosferica 2GR. Forse questo sarà importante per coloro che acquistano un’auto per molto tempo e poi la vendono a un prezzo d’occasione.

Interno

L’interno della Lexus RX, come il suo aspetto, non è per tutti. Ci sono molti intenditori di questo approccio al design, ma non tra coloro che sono abituati alle auto tedesche. Alcuni considerano questo salone insapore e senz’anima, ma questo è solo un approccio giapponese allo stile e al design. Ma gli estimatori degli interni Lexus credono che questo sia esattamente come dovrebbe essere il lusso: quando tutto è grande, quando c’è molto legno e plastica flessibile, quando i motociclisti sono circondati da una piacevole pelle morbida.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

E se sicuramente non riesci a trovare difetti nella qualità costruttiva e nella vestibilità, allora è facile con la qualità dei materiali. Con mia sorpresa, c’era un posto nella cabina per la plastica economica e il pannello frontale non può essere rivestito in pelle, ci sarà solo la sua imitazione.

Ma tra le diciassette opzioni di allestimento, sarai sicuramente in grado di scegliere quella giusta per te. Anche chi passa dalle vetture tedesche potrà trovare una prestazione più contenuta per se stesso. Solo ora gli inserti in legno nella corona del volante (che non a tutti piacciono) sono proposti in tutte le versioni, fatta eccezione per la più “giovane” F Sport. In esso, il volante è rivestito in pelle, c’è un soffitto nero e inserti a contrasto nel rivestimento dei sedili.

Ma tutto questo è una questione di gusti, perché nell’abitacolo della BMW c’è anche qualcosa di cui lamentarsi, quindi devi scegliere tu stesso.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Ma le dimensioni della cabina sono incredibili. Ad esempio, la distanza tra i montanti centrali della RX è maggiore di 5 cm rispetto alla Mercedes-Benz GLE (W166). È comodo sedersi su una sedia ampia e morbida, anche se non ci sono così tante impostazioni per questa sedia (secondo gli standard di una classe di lusso): oltre alle opzioni standard, c’è solo un’estensione del cuscino e la regolazione di il supporto lombare. Ma non c’è praticamente alcun supporto laterale nei sedili anteriori. In effetti, non è necessario in questa macchina: credimi, non entrerai bruscamente in curva.

L’interno della nostra auto di prova è rivestito in pelle semi-anilina. La particolarità di questo materiale è che nei colori chiari non è molto facile da pulire, ma si sporca abbastanza facilmente. Da notare anche che le cuciture a filo sugli elementi di rivestimento in pelle sono perfette, come se non fosse stato realizzato da una persona, ma da un robot. Alcune case automobilistiche farebbero bene a imparare dai giapponesi.

Con l’ergonomia, tutto è ambiguo. Da un lato, molti elementi sono molto grandi, comprensibili, “testati dal tempo”. Quasi ogni funzione ha il proprio pulsante e tutto è comodamente firmato. D’altra parte, la posizione di tutti questi pulsanti è alquanto caotica e in alcuni punti molto scomoda. Ad esempio, i sedili riscaldati e ventilati erano per qualche motivo posti dietro la leva del cambio. Attivare in modo intuitivo e veloce una di queste funzioni non è così semplice.

Anche controllare il sistema multimediale utilizzando il touchpad proprietario non è molto semplice e il processo richiede un po’ di tempo per abituarsi. E in generale, l’elettronica Lexus è ancora quel puzzle! Gli ingegneri hanno cercato di dotare l’auto di tutte le caratteristiche moderne, ma gli algoritmi del loro lavoro a volte fanno soffrire il guidatore. Laddove sarebbe possibile utilizzare un pulsante, in Lexus è necessario premerne due e, per abilitare alcune funzioni, è necessario leggere le istruzioni. È vero, rispetto ai concorrenti tedeschi, tutti questi pulsanti e interruttori funzionano perfettamente.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

La regola principale nella cabina Lexus è lavorare il più silenziosamente possibile. L’impianto di climatizzazione è quasi impercettibile, così come la ventilazione dei sedili (funziona sulla presa d’aria). Le finestre chiudono molto bene (il vetro, ripeto, qui è doppio). Il fondo del portabicchieri sul tunnel centrale può essere approfondito per diversi contenitori e si alza molto dolcemente. Dopo il restyling, la nicchia per lo smartphone ha ricevuto un ammortizzatore in gomma per ridurre al minimo il rumore dovuto al suo movimento. Di conseguenza, possiamo dire che qui regna il suo mondo, dove, grazie a decine di chilogrammi di isolamento acustico e delle vibrazioni, si applicano le proprie regole.

La cosa che preferisco della cabina della RX è il cruscotto. È strano che il RAV4 più economico abbia un "ordine" quasi digitale e il modello di lusso di Lexus per 90mila dollari (e anche dopo il restyling) si accontenti di uno schermo così semplice. Con la retroilluminazione accesa di notte, la situazione non migliora e l’unica cosa che si può notare con un segno più è la possibilità di cambiare il colore della scala del contagiri quando si cambia modalità. Sono sicuro che un tale ordine ha spaventato molti potenziali acquirenti. È vero, i giapponesi affermano che i clienti non si lamentano.

Ma ancora più sorprendente è che il display centrale, a differenza del "tidy", sembra molto moderno. La risoluzione dello schermo e la qualità dell’immagine sono eccellenti. Ma è ancora difficile capire la logica della gestione di varie interfacce e menu. È positivo che ora ci sia Apple CarPlay, che può "sovrapporre" le carenze del sistema standard.

Sarebbe bello seguire l’aggiornamento del display per aumentare la risoluzione delle fotocamere a tutto tondo, e rendere la grafica vettoriale, in modo che i pixel non siano cospicui. La stessa funzione di revisione circolare è implementata abbastanza bene.

Per quanto riguarda l’ultima fila, noto subito l’assenza del tunnel di trasmissione, e questa differenza non è solo nella versione ibrida, dove non c’è il cardano, ma anche in tutti gli altri optional. È interessante notare che gli ingegneri non hanno raggiunto questo obiettivo a scapito dello spazio libero nella cabina. Lo spazio per le gambe è abbondante, anche se l’interasse della RX è 10 cm più corto che, diciamo, della Touareg. Sedersi in seconda fila è molto comodo, anche grazie al morbido divano, che dona ulteriore comfort ai passeggeri. C’è un bracciolo con una nicchia e sottobicchieri. L’inclinazione dello schienale stesso è regolabile in un range abbastanza ampio. Noterò solo che non c’è molto spazio sopra la testa per un passeggero alto.

Nonostante ci sia un divano nell’ultima fila e non singole sedie, il passeggero medio troverà scomodo sedersi a causa del bracciolo molto rigido. I passeggeri posteriori hanno accesso al riscaldamento del divano posteriore, a due caricatori USB e alle tendine dei finestrini nel pacchetto Luxury. Gli schienali dei sedili anteriori sono rivestiti in similpelle. Il divano può essere spostato in direzione longitudinale, aumentando notevolmente il volume del bagagliaio. Un dettaglio interessante: prima del restyling, era possibile regolare l’inclinazione dello schienale del divano posteriore tramite un azionamento elettrico, ma ora hanno deciso di rimuovere questa comoda opzione.

Prendo atto che per alcuni mercati viene offerta anche una versione Long, dove è dotata in aggiunta una terza fila di sedili. L’aumento dello spazio è stato ottenuto aumentando la carrozzeria di 10 cm a parità di passo. Inoltre, tali crossover possono essere a sette o sei posti, dove la seconda fila è rappresentata da due sedie del capitano. A proposito, abbiamo anche queste auto disponibili, ma su ordinazione. Penso che la RX a sette posti (per la sua comodità e imponenza) sia una buona opzione per chi viaggia con la famiglia.

Guidare

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Lo sterzo della RX ha una caratteristica interessante. A causa del fatto che il collegamento con le ruote è poco sentito, sembra che tu stia guidando una specie di telaio di grandi dimensioni. Ma in termini di maneggevolezza, le impostazioni dello sterzo lasciano molto a desiderare.

Ma il rollio del corpo, che è inaspettatamente piccolo. Durante il restyling, gli ingegneri giapponesi hanno potenziato gli stabilizzatori, reso ancora più rigida la scocca e finalizzato le sospensioni adattive. Ora la RX è diventata ancora più comoda e in modalità Sport ha iniziato a essere controllata meglio. E anche quando le sospensioni sono "schiacciate", l’auto rimane confortevole riducendo le vibrazioni e l’accumulo ai box. Sono sicuro che nelle versioni base su molle standard l’auto si comporterà diversamente. L’unica cosa che rovina l’idillio sono i colpi delle pesanti ruote da 20 pollici quando la sospensione “non indovina” la natura della carreggiata e si rilassa troppo.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

In autostrada, 140-150 km / h possono essere considerati abbastanza comodi, ma anche fino a 180 chilometri questo ibrido accelera senza problemi e mantiene perfettamente la traiettoria. Allo stesso tempo, la cabina è ancora relativamente silenziosa. Ma cosa succede a una tale velocità con il volante, non mi piace assolutamente. Apparentemente, per rassicurare il guidatore da movimenti imprecisi, il volante diventa meno sensibile. La svolta minima non funziona affatto, la reazione è molto tardiva e se giri di più il volante, l’auto reagisce con una forte inclinazione. In questi momenti, la fiducia diminuisce e di nuovo vuoi rallentare fino a 140 km / h. Inoltre, i freni qui sono tutt’altro che ideali.

Inizialmente, le prestazioni di frenata della RX sembrano abbastanza normali. Certo, l’auto "annuisce", cosa inevitabile con tali impostazioni delle sospensioni, ma allo stesso tempo il crossover si ferma senza intoppi e senza strappi. Inoltre, in caso di frenata di emergenza, la resistenza sui pedali è prevedibile, ma non si verificano guasti. A prima vista, va tutto bene. Ma le misurazioni dello spazio di frenata hanno dato risultati deludenti: 41,3 metri. In condizioni quasi ideali, per tre volte di seguito ho ottenuto 42 metri in frenata da 100 km/h.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Si ritiene che tutti i risultati che superano i 40 metri siano carichi di pericoli. Il valore normale per oggi è considerato un indicatore di 37 metri. Per fare un confronto, il Mercedes-Benz GLE W166 ha mostrato un risultato di 39 metri, che non è nemmeno l’ideale, ma molto meglio. Quindi le manovre brusche su una Lexus devono essere eseguite tenendo a mente le prestazioni dei freni o qualcosa che abbia a che fare con loro. Sono in vendita kit di freni rinforzati, grazie ai quali, in base alle recensioni, lo spazio di frenata diminuirà di 3-5 metri. Ma poi di nuovo, se guidi con calma, ti basterà un sistema di frenata regolare.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

È importante notare che la Lexus RX non è un’auto da fuoristrada, nonostante l’altezza da terra dichiarata di 20 cm, si tratta infatti di un crossover a trazione anteriore, dove l’asse posteriore è collegato tramite una frizione o utilizzando un motore elettrico. Entrambe le opzioni quando lo slittamento sono sufficienti per un tempo molto breve. Tuttavia, non dimentichiamo che stiamo parlando di un crossover urbano costruito su una piattaforma comune con la Toyota Camry.

Confronto con Mercedes-Benz GLE W166

Ho avuto l’opportunità di testare la RX 450h per una settimana. Per tutto questo tempo sono stato abituato a guidare questa macchina abbastanza lentamente e rilassato. Mi sono semplicemente divertito a guidare, nonostante l’auto non eccelli nelle qualità di guida e consumi troppo carburante.

Quando entro sulla Mercedes-Benz GLE (W166) dopo aver trascorso del tempo al volante di una Lexus, smetto di pensare a come si comporta l’auto e cerco pace e tranquillità. Rispetto alla Lexus, la Mercedes manca di insonorizzazione.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

Va subito notato che la carrozzeria W166 è già stata interrotta. Tuttavia, questa vettura è ancora considerata molto a suo agio all’interno della classe, pur rimanendo ben controllata. Tuttavia, in termini di comfort, questa Mercedes è inferiore a Lexus. Dopo aver percorso i dossi, sulla carrozzeria rimangono molte vibrazioni, praticamente assenti nel crossover giapponese. Ma le impostazioni del volante in Mercedes ti consentono di guidare molto più attivamente. Ma per una guida rilassata in città, lo sterzo Lexus è più adatto.

Confronto con VW Touareg

Le sospensioni pneumatiche della Touareg danno al guidatore un maggiore equilibrio, soprattutto quando è attivata la modalità sportiva. Questo crossover tedesco entra meglio in curva grazie a uno sterzo più informativo, può essere manovrato facilmente anche a velocità fino a 200 km/h. Inoltre, la dinamica qui è molto migliore e il consumo di carburante è inferiore.

Lexus RX 450h: un lusso che non ha bisogno di fretta

In generale, la Touareg a sospensione pneumatica è un crossover abbastanza comodo. Ma anche su ruote da 18 pollici, non può eguagliare la Lexus per comodità. Prima di tutto, la differenza si fa sentire nell’isolamento acustico e delle vibrazioni. Inoltre, con un chilometraggio comparabile delle auto di prova, ci sono già suoni più estranei negli interni della Touareg. E, soprattutto, il passaggio di box e dossi nel crossover tedesco sembra molto più forte, quindi è meglio aggirarli. Ma farlo è molto più facile che su un crossover giapponese.

L’interno della Touareg è completamente al di sopra della RX e per molti oggi questo fattore è decisivo nella scelta di un’auto. È vero, qui mi manca la sensazione di costi elevati, che a tratti rasentano le decisioni controverse, come spesso accade nella classe di lusso. E noto anche che l’abbondanza di display e pulsanti a sfioramento può spaventare un pubblico più maturo.

Conclusione

Naturalmente, la Lexus RX non è priva di difetti e debolezze, ma ci sono argomenti più che sufficienti per acquistarla. Giustifica la sua gola con un servizio conveniente. Lentezza e mancanza di maneggevolezza – comfort. Un design goffo (per alcuni) e un sistema multimediale cupo: affidabilità leggendaria. Ciò che è veramente importante e ciò che non lo è, e se uno può sostituire l’altro, dipende non tanto dai nostri gusti, ma dal nostro stile di vita e dalle nostre priorità. E come sai, a volte tendono a cambiare. Questo spiega come le persone che hanno guidato auto tedesche per tutta la vita stiano passando a quelle giapponesi. E viceversa.

Fonte

Fonte di registrazione: wekauto.ru

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More